Attività giovanile

Under 17 femminile: Sara Ingannamorte e Lucrezia Cergol protagoniste agli Europei di Novi Sad: "Una bellissima esperienza"

L'Italia ha chiuso al quinto posto, ma le due orchette della Pallanuoto Trieste hanno brillato. "Peccato per la sconfitta con la Grecia. Una medaglia era alla portata"

L’Europeo Under 17 femminile di Novi Sad si è chiuso con un quinto posto per l’Italia, battuta dalla Grecia nei quarti di finale (10-6 per le elleniche) e piuttosto lontana dalla zona medaglie. In ogni caso, nella competizione continentale che si è disputata in Vojvodina, hanno brillato le due orchette della Pallanuoto Trieste Sara Ingannamorte (portiere) e Lucrezia Cergol (attaccante). In particolare Lucrezia è stata tra le trascinatrici in vasca del gruppo allenato da Paolo Zizza, con la bellezza di 20 gol segnati in 6 partite disputate. Anche Sara si è ritagliata spazio tra i pali, in alternativa alla titolare (e capitano della nazionale Under 17 femminile) Caterina Banchelli. L’Europeo era iniziato bene per le azzurrine, vittoriose per 28-0 sulla Francia (4 gol per Lucrezia e 2 tempi in porta per Sara), per 11-6 sulla Serbia padrona di casa (3 gol di Lucrezia) e per 22-2 sulla Repubblica Ceca (2 gol di Lucrezia e Sara 4 tempi in porta). Poi è arrivata la sconfitta ai quarti di finale con la Grecia, nonostante le 3 reti della Cergol. L’Italia poi si è riscattata battendo nell’ordine Russia (14-13 con tripletta di Lucrezia) e Gran Bretagna nella finale per il quinto posto (16-5 con 5 gol di Lucrezia e 1 tempo in porta per Sara). “E’ stata una bellissima esperienza – esclama Lucrezia Cergol – ho imparato tante cose nuove, nonostante la delusione per la sconfitta con la Grecia. Le prime tre partite sono state molto facili e questo forse ci ha un po’ svantaggiato, perché siamo arrivate al decisivo match dei quarti di finale troppo spente. Una medaglia era alla nostra portata, ma di sicuro in questo Europeo ho capito che devo lavorare ancora molto e migliorare. Ringrazio di cuore Sara che come sempre mi è stata vicina nei momenti difficili di questa avventura, e anche tutte le mie compagne della Pallanuoto Trieste che sono venute a fare il tifo per noi fino a Novi Sad”. 

Sensazioni molto simili anche per Sara Ingannamorte: “È stata un esperienza piena di emozioni. Ho avuto la possibilità di conoscere atlete di varie squadre d'Italia con cui si è creato un legame molto speciale. Purtroppo abbiamo giocato male la partita più importante del torneo ma insieme ci siamo poste un obbiettivo e abbiamo lottato fino in fondo per raggiungere il quinto posto. Sono entusiasta di aver partecipato a questo evento, mi sento migliorata e non vedo l'ora di incominciare la nuova stagione per pormi nuovi obbiettivi e per crescere insieme alla mia squadra. Ci tengo a ringraziare tutto lo staff della nazionale e le ragazze che sono state con me tutto il mese. Inoltre ringrazio la mia famiglia, le persone che mi sono state vicine e i miei allenatori, tutti insieme sono venuti a vederci agli Europei”.

Potrebbe interessarti anche
Alla "Bianchi" la terza e quarta prova della prima eliminatoria Trieste e Udine. Primato personale sugli 800 stile per Alessia Capitanio
Torneo di Natale 2017. Spettacolo a San Giovanni: tante partite, divertimento e regali per tutti. Ecco i risultati e i premi assegnati