Attività giovanile

Under 15 femminile: finali scudetto, in semifinale il Rapallo supera la Pallanuoto Trieste (10-5). Adesso la finale per il bronzo

Le liguri scappano sul 6-1 a metà gara e mantengono il vantaggio. Martedì 7 agosto alle 11.00 sfida per il terzo posto contro l'Orizzonte Catania

Niente da fare per le orchette. Nella semifinale delle finali scudetto Under 15 femminile di Ostia, la Pallanuoto Trieste è stata sconfitta per 10-5 dal Rapallo. La squadra ligure quindi accede alla finalissima per il titolo contro il Bogliasco, mentre per il gruppo alabardato ha davanti ancora un importante obiettivo. Martedì 7 agosto alle 11.00 infatti si giocherà la finale per il terzo posto e la Pallanuoto Trieste se la vedrà con l’Orizzonte Catania.
La semifinale si è decisa praticamente nei primi due tempi di gioco. Il Rapallo scappa sul 3-0 grazie alle reti di Cabona e della solita Giustini, poi tocca anche il 6-1 a metà gara. In apertura di terzo periodo la Pallanuoto Trieste prova a tornare sotto grazie a Pasquon e Lonza (6-3), ma una doppietta di Giustini ristabilisce le distanza (8-3). Il +5 resiste fino alla sirena finale. Ma adesso le orchette devono recuperare energie e concentrazione: una medaglia è ancora alla portata.

RAPALLO – PALLANUOTO TRIESTE 10-5 (3-0; 3-1; 2-2; 2-2)
RAPALLO:
Bianco, De Carli 1, Costigliolo 1, Fusco, Mascherpa, Buralli, Giustini 6, Cabona 2, Giavina, Malagrida, Franchina, Antonucci, Gasparini. All. Antonucci
PALLANUOTO TRIESTE: Gregorutti, Zoch, Mancini 1, Sblattero, F. Lonza 2, Benati, Klatowski 1, Marussi, Pasquon 1, Spadoni, Liprandi, S. Renier, R. Apollonio, Bozzetta, A. Apollonio. All. Piccoli e I. Colautti

Potrebbe interessarti anche
Alla "Bruno Bianchi" una Pallanuoto Trieste scatenata supera il Bogliasco (15-9 il risultato finale). Poker di Panerai, tripletta di Rocchi. L'allenatore Bettini: "Prestazione maiuscola, soprattutto in fase difensiva"
Prima gara stagionale alla "Bruno Bianchi". Sabato 20 ottobre (ore 18.00) la Pallanuoto Trieste affronterà il Bogliasco. Si preannuncia battaglia. Daniele Bettini: "Bisognerà lottare su ogni pallone per quattro tempi"