A1 MASCHILE

I campioni d'Italia passano alla "Bruno Bianchi". La Pallanuoto Trieste si arrende alla fortissima Pro Recco (5-18). Andrea Brazzatti: "Impossibile fare di più. Soddisfatto della prestazione"

I fuoriclasse liguri ovviamente sempre avanti nel punteggio. Per gli alabardati doppietta per Gogov, in gol anche Mezzarobba, Vico e Giacomini, Sabato prossimo ultimo turno di regular-season

Tutto (ovviamente) come da pronostico alla “Bruno Bianchi”. Nella dodicesima e penultima giornata di ritorno del campionato di serie A1 maschile, la Pallanuoto Trieste è stata battuta dalla Pro Recco campione d’Italia in carica per 5-18. “Contro una corazzata simile è impossibile fare di più – spiega a fine match l’allenatore alabardato Andrea Brazzatti – per noi questa è stata un’altra partita di avvicinamento ai play-out. Abbiamo fatto bene un paio di cose, su altri aspetti del gioco c’è ancora da lavorare. Ma nel complesso sono abbastanza soddisfatto della prestazione”.
I fuoriclasse liguri fanno subito pesare tutto il loro enorme talento. Nei primi 90’’ di gara vanno a segno due volte Di Fulvio e Ivovic (0-3). L’universale montenegrino firma anche lo 0-4, poi Vico batte Tempesti con una splendida colomba dalla posizione di centroboa: 1-4 alla fine del primo periodo. In apertura di secondo periodo si sblocca anche il campione olimpico in carica Filipovic (1-5 in superiorità), Bodegas scrive 1-6 e Ivovic su rigore insacca l’1-7. La Pallanuoto Trieste prova comunque a pungere e Gogov da otto metri trova l’angolo giusto (2-7). Caliogna e Aicardi da boa realizzano il 2-9 e poi di nuovo Gogov con un pregevole diagonale in superiorità numerica fissa il risultato sul 3-9 di metà gara. Nel terzo periodo segna solo la Pro Recco, che grazie alle doppiette di Molina e Di Fulvio scappa sul 3-13. Dopo 30’’ di gioco nella quarta frazione il solito Di Fulvio mette in porta il 3-14 (in superiorità). Trieste risponde con una bellissima conclusione di Mezzarobba da quasi 10 metri, il pallone si spegne proprio sotto l’incrocio dei pali per il 4-14. Una tripletta di Figari e un gol di Aicardi valgono il 4-18 per gli ospiti. L’ultima parola però è alabardata, con Giacomini che in superiorità numerica fissa il risultato sul definitivo 5-18. Sabato prossimo – 19 maggio – ultimo turno di regular-season, la Pallanuoto Trieste renderà visita alla Lazio. Poi tutti a Siracusa per i play-out salvezza.

PALLANUOTO TRIESTE – PRO RECCO 5-18 (1-4; 2-5; 0-4; 2-5)
PALLANUOTO TRIESTE:
Oliva, Podgornik, Petronio, Ferreccio, Giorgi, Giacomini 1, Gogov 2, Mladossich, Vico 1, Spadoni, Blazevic, Mezzarobba 1, Persegatti. All. Brazzatti
PRO RECCO: Tempesti, Di Fulvio 5, Caliogna 1, Bruni, Molina 2, Bodegas 1, Ivovic 3, Figari 3, Filipovic 1, Aicardi 2, Gitto, Volarevic. All. Vujasinovic
Arbitri: L. Bianco e Nicolosi
NOTE: nessuno uscito per limite di falli; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 2/6, Pro Recco 5/6 + 1 rigore; spettatori 300 circa

Potrebbe interessarti anche
Pronto riscatto alabardato in Coppa Italia, la Pallanuoto Trieste ha superato il Savona (4-10). Daniele Bettini: "Contento per la vittoria, disputato una gara buona. Adesso pensiamo all'ultimo match"
Prima gara del girone di Coppa Italia, alla "Vassallo" la Pallanuoto Trieste si arrende alla Canottieri Napoli (4-8). L'allenatore Daniele Bettini: "Comunque una buona prova, peccato per il risultato"