Nuoto Assoluti

Assoluti invernali di Riccione: Alessia e Gaia bene soprattutto nei 400 misti. Galimberti si batte nonostante il problema alla spalla

Le gemelle nelle prime dieci d'Italia con ottimi tempi. L'allenatrice Frida Cottic: "Abbiamo preparato questo appuntamento in soli due mesi, possiamo considerarci soddisfatti"

Risultati senza dubbio positivi per gli atleti della Pallanuoto Trieste che tra l’1 e il 2 dicembre a Riccione hanno partecipato ai Campionati Italiani Assoluti invernali in vasca corta. La squadra alabardata ha schierato tre atleti: Davide Galimberti nei 400 misti, le sorelle Gaia e Alessia Capitanio nei 200 e 400 misti. Con riscontri cronometrici importanti soprattutto per le due gemelle. Ma andiamo con ordine.
In un’atmosfera resa elettrica dalla presenza di alcuni tra i più forti nuotatori italiani, Federica Pellegrini su tutti, ma anche Filippo Magnini, che proprio a Riccione ha chiuso la sua straordinaria carriera, Davide Galimberti si è presentato sul blocchetto di partenza per gareggiare nei 400 misti. Nonostante il problema alla spalla (risolto in extremis grazie all’intervento dei fisioterapisti di Fisiosan) che gli ha comunque impedito di nuotare i 1500 stile (la sua gara), Davide ha chiuso le 16 vasche col tempo di 4’23’’12, 24esimo in Italia, restando 4’’ sopra il suo personale nuotato esattamente un anno fa, quando era in perfette condizioni di forma. “Va comunque bene così – il commento dell’allenatrice della squadra Assoluti della Pallanuoto Trieste Frida Cottic – Davide si è allenato poco causa il fastidio alla spalla, quindi tanto meglio non poteva fare. Siamo fiduciosi per il futuro, i margini di miglioramento sono indubbiamente notevoli”. Nel pomeriggio di venerdì è stato il turno delle gemelle Capitanio, impegnate nei 200 misti. Alessia ha chiuso 22esima in 2’16’’70, Gaia 26esima in 2’17’’84.
Sabato poi Gaia e Alessia sono tornate in vasca nei 400 misti, gara nella quale si riescono ad esprimere su livelli piuttosto alti. Come confermato dai riscontri cronometrici: Alessia settima col tempo di 4’41’’94, Gaia nona in 4’48’’56. Ancora Frida Cottic: “Alessia ha migliorato il suo personale in vasca corta, Gaia è rimasta sul suo tempo. Direi bene, anche perché abbiamo preparato questi Italiani Assoluti in soli due mesi, francamente poco per gare così importanti. Ma siamo soddisfatti, non capita tutti i giorni piazzare due atlete tra le 10 migliori in Italia”.

Potrebbe interessarti anche
Alla "Bianchi" la terza e quarta prova della prima eliminatoria Trieste e Udine. Primato personale sugli 800 stile per Alessia Capitanio
Torneo di Natale 2017. Spettacolo a San Giovanni: tante partite, divertimento e regali per tutti. Ecco i risultati e i premi assegnati